Una ragione per ogni cosa (Fiver #37.2017)


Non ricordava esattamente da dove fosse scaturita la scintilla che aveva cominciato a far ardere il falò ma gli era ben chiaro il percorso che la fiammata aveva seguito per tramutarsi nel tempo in vero e proprio incendio.
Probabilmente tutto era iniziato nel momento in cui aveva messo le mani su una copia di Up for a Bit, dei Pastels, in particolare la traccia numero due del lato a, la prima canzone che avesse mai dedicato a una ragazza.
Anche se lei in quel momento non lo sapeva, né mai lo avrebbe saputo.

You know I’d cross the desert wastes for you
Watch the sun burn up the sky
You know I’d wait a thousand years for you
I love you ‘til there’s nothing left

Non rammentava ci fossero stati episodi precedenti, quindi doveva essere per forza stato quello. Se poi non era così poco importava, gli pareva comunque bello individuare quella canzone come l’innesco della sua passione per la Scozia e il suo popolo. La cosa certa era che da almeno trent’anni amava quella nazione e una città nello specifico: Glasgow.
L’amava sul serio quel posto, nello stesso modo in cui si può amare una persona, anzi di più. Perché una città rimane sempre quella, non può deluderti. Tu magari cambi, lei no e se ti tradisce la colpa non è sua ma delle persone che ne governano le sorti.

Sul terreno sdrucciolevole della sua memoria erano conficcate schegge di ricordi come cartelli stradali che sparpagliati a caso indicavano comunque una direzione precisa. Piccoli segnali e macro tracce.
Come quella pubblicità di un festival dedicato al nuovo rock scozzese da un pub di Bari stampata in un angolo di pagina di un vecchio Rockerilla, un ritaglio su cui aveva investito il sonno di intere notti impegnate a immaginare ingegnosi varchi spazio temporali che avrebbero potuto traghettarlo in Puglia in quelle giornate. Che poi – percorsi miracolosamente incrociati e cerchi ciclicamente chiusi – avrebbe conosciuto più tardi uno dei ragazzi che avevano organizzato quel festival. Una storia che meriterebbe un racconto tutto suo, come fosse lo spin off di qualche serie televisiva di successo: Better Call Kiko.
Altri frammenti, altre briciole di memoria: il funky sclerotico e slabbrato dei Fire Engines, il pop dolce amaro degli Orange Juice e l’art rock spigoloso dei Josef K, tanto belli e tanto bravi da convincerlo ad affrontare le 250 pagine de Il processo a cui si erano ispirati per il loro stilosissimo nome. Naturalmente quel romanzo di Kafka non terminò mai di leggerlo, salvo riprenderlo in mano anni e anni dopo, quando la Domino decise fosse arrivato il momento di ristampare lo smilzo catalogo della band di Paul Haig e Malcolm Ross.

Ancora Frances McKee, la prima ragazza di cui si era innamorato sul serio anche se lei era solo una foto in un bianco e nero sgranato sui fogli ruvidi di Sounds e un’ombra nelle recensioni dei 45 giri dei Vaselines scritte da Charlie Albertoli sulla carta riciclata di Vinile, la lettura che per quel paio d’anni che rimase in vita divenne il suo vangelo.
E il concerto di Jesus and Mary Chain e Meat Whiplash al North London Polytechnic nell’85 di cui aveva letto la cronaca sul Melody Maker. L’unico concerto che gli sarebbe mancato in eterno, assieme al live dei Cramps in apertura ai Police al Palalido di Milano e quello dei Suicide di spalla a Costello all’Ancienne Belgique nel ’78: 23 Minutes Over Brussels.

La Creation Records di Alan McGee, Bobbie Gillespie e Primal Scream, i Teenage Fanclub a Reading, i Belle and Sebastian a Monaco nel ’92, la Beta Band, gli Urusei Yatsura, la Chemikal Underground, i Delgados, i Mogwai e i Bis.
Cinquemilioni duecento mila abitanti e tutta questa roba, oltre a quella che non aveva nemmeno voglia di menzionare perché altrimenti ne sarebbe uscito un elenco telefonico del migliore indie rock dei tempi in cui l’indie rock era ancora un genere musicale.
La nostalgia avrebbe preso il sopravvento su tutto il resto. E a lui non piaceva essere nostalgico.

Una volta decise anche di andarci in Scozia, ma qualcosa andò storto.
Anche se non aveva ancora stabilito nulla e il tempo per le decisioni distava un paio d’anni, quello doveva essere lo spartiacque destinato a sparigliare le vicende della sua vita. L’eutanasia di un pezzo di vita, non programmata eppure eseguita chirurgicamente, come se in quel momento avesse decretato di inserire nella sua storia personale un detonatore con un timer programmato a far esplodere tutto un po’ più avanti nel tempo.

A modo suo quel viaggio fu un’esperienza memorabile, ma non nel senso in cui l’aveva immaginata.
Era una storia che ora però non aveva alcuna voglia di riesumare. Di quei giorni gli piaceva solo ricordare la sera della semifinale degli europei di calcio trascorsa in un pub di Edimburgo a tifare Germania assieme agli scozzesi, contro l’Inghilterra che quell’anno era anche padrona di casa. E naturalmente la visita al Monorail, il negozio di Stephen Pastel a Glasgow.

In ogni caso la Scozia aveva significato molto per lui in un periodo della sua vita in cui tutto pareva gli stesse sfuggendo di mano per rotolare via e trasformarsi in qualcos’altro. Poteva arrivare ad ammettere che il significato dell’amore per quella terra e per quella gente era stato clamorosamente amplificato dagli eventi personali cui quella terra e quella gente avevano fornito al tempo stesso attori, colonna sonora, scenografia e anche un pezzo di sceneggiatura.
Non a caso tra l’aprile e l’ottobre dell’anno fatidico, quello in cui il timer aveva fatto saltare in aria tutto, gli era capitato di trovarsi a concerti di Mogwai, Delgados, Urusei Yatsura, Teenage Fanclub, Jesus and Mary Chain, Primal Scream e Belle & Sebastian nell’ordine, uno di fila all’altro.
E no, non poteva davvero essere solo una coincidenza.

Pensava a questo l’altra sera mentre assisteva all’ennesimo concerto dei Mogwai, il quinto o forse il sesto dopo quella prima volta al Covo nell’aprile del ‘98, quando loro si allontanarono dal locale che era l’alba litigando con tutti per portarsi nel furgone un cartone di lattine di birra appena scippato al retro bottega del bar.
Rifletteva sul fatto che tra i 140 concerti che aveva visto nel corso di quell’anno (li aveva proprio contati, centoquaranta e mancavano ancora due mesi alla fine dell’anno che era poi quello in cui aveva deciso avrebbe smesso di andare a vedere concerti) alla fine le cose migliori erano stati proprio i live di due gruppi scozzesi, ognuno con una ventina di anni di carriera dietro le spalle. Corsi e ricorsi che forse avevano un significato in quel preciso momento. O forse no, magari per una volta, una soltanto, era tutto casuale. Anche se lui al caso non aveva mai creduto.

Mentre pensava a queste cose la band sul palco di fronte a lui si arrestò per un attimo concludendo il lungo momento di surplace piazzato in mezzo alla canzone destinata a chiudere il set.
Gli ci volle una frazione di secondo prima di rendersi conto del momento esatto in cui era arrivato e di quello che sarebbe successo l’istante immediatamente successivo, sette minuti e trentotto secondi dal suono della prima nota. I neon bianchi si accesero tutti assieme accecandolo nello stesso tempo in cui esplosero gli strumenti: il basso, la batteria e le tre chitarre.
Pensò che quella sarebbe stata la canzone giusta per accompagnare i fotogrammi di quella settimana in Scozia, tanti anni fa. Di più, era certo che se il disco che la conteneva fosse uscito un anno prima e solo la avesse avuta a portata di mano allora la canzone, quella sua storia gli sarebbe esplosa in mano già in quel principio di estate del novantasei. Non ci sarebbe stato bisogno di nessun timer e avrebbe risparmiato un paio d’anni.
Ma se non era successo allora era perché non doveva succedere.
Perché in fondo ogni cosa ha un suo tempo e se succede in un determinato momento anziché in un altro è perché quello è il momento giusto.
Sì, niente capita per caso.
C’è una ragione per ogni cosa.
Sempre.

Arturo Compagnoni

Per vincere domani (Fiver # 35.2016)

samevian_hero

Sam Evian

A ripensarci ora, con il giusto distacco, posso confessare di essere stato presuntuoso ed irriverente, nel mio ruolo di giovane scribacchino di cronache musicali. Mi stupisco che non sia arrivato qualcuno a tirarmi due sberle e farmi tornare con i piedi per terra, al tempo. La mia fortuna è stata avere un direttore come Claudio Sorge. Nei miei ricordi, lo confondo con il maestro Miyagi di Karate Kid, che se era il caso alzava il telefono e mi faceva amabilmente capire che certe cose andavano cambiate.
Per questo sorrido talvolta scorrendo la mia timeline di facebook dove leggo le nuove leve del giornalismo musicale italiano misurarsi la lunghezza del proprio organo genitale e di quanto manchi un DIRETTORE talvolta. Sono contento di starne fuori, comunque e sono ancor più contento che all’epoca di social network non c’era traccia, altrimenti la mia collezione di scheletri da tenere nell’armadio sarebbe andata sicuramente fuori controllo.
In particolare penso ad un articolo che mi commissionò Rumore all’epoca. Dovevo scrivere della Bologna musicale di quei giorni. Trascurai consapevolmente una scena che invece meritava altra considerazione e ancora me ne dispiaccio. Ma appunto ero giovane, un po’ coglione, con la verità in tasca e troppo tempo libero da spendere.
Ho ripensato a tutto questo di recente, ascoltando il nuovo album di Coner Oberst.
Coner mi è sempre piaciuto, con i Bright Eyes particolarmente ma anche nelle sue incursioni più recenti, da solista. Un altro ex giovane presuntuoso che ha imparato a scendere a patti ma senza esagerare. Uno che pensa di essere Bob Dylan, nato con gli Hüsker Dü nello stereo che finisce per somigliare a un Bruce Springsteen in tono minore.
Ha fatto uscire da pochi giorni un album scarno fino al midollo, piano o chitarra acustica, armonica e voce.

CONER OBERST – Next of Kin

Ad un certo punto canta
I met Lou reed and Patti Smith / It didn’t make me feel different / I guess I lost all my innocence / Way too long ago
Penso che per scrivere di musica professionalmente bisognerebbe essere giovani, irriverenti, innocenti e presuntuosi. A meno che uno non sia Simon Reynolds. Ma è altrettanto inevitabile che ad un certo punto subentri un certo disincanto, che si prendano le distanze e le cose vengano vissute da un’altra prospettiva. Disillusione mista a scetticismo che ti fanno vedere e valutare anche gli artisti che più ti piacciono con altri occhi. Non sempre parlare di persona con un musicista che apprezzi è una buona idea, ho imparato nel tempo. Come non lo è di certo accontentarsi e cercare di arrangiarsi quando di musica bisogna scrivere per portare a casa la pagnotta. Ho visto gente che avrebbe voluto scrivere l’ennesima pippa su Marvin Gaye costretta a subire i Mudhoney con le lacrime agli occhi solo perché lo richiedeva il quotidiano di turno. La tristezza del vedere l’innocenza davvero andata per sempre. Lo sconforto di vedere una passione che si trasforma in una professione che ti garantisce una vita di stenti.
Aver dato addio a tutto questo mi consente di prendere un disco di Coner Oberst e tenermelo metaforicamente sotto il cuscino senza doverne rendere conto a nessuno, una ricchezza che cerco di tenermi stretta il più possibile.

THE PROPER ORNAMENTS – Memories

Questa canzone mi ha fatto tornar voglia di andare a ripescare i dischi solisti di Epic Soundtracks, preziosi gioielli che vanno assolutamente recuperati, motivazione sufficiente a farmela diventare una delle preferite del momento.
Ballata soffice che ha i soliti riferimenti ben impressi: il terzo album dei Velvet, i Beach Boys, il piano invece delle chitarre (che comunque ci sono). Una canzone perfetta per queste prime giornate d’autunno.

SAM EVIAN – Sleep Easy

Non ci si discosta tanto dai territori di Proper Ornaments neppure con le canzoni di Sam Evian, newyorkese che debutta in questi giorni.
Pure atmosfere anni settanta, psichedelia leggera, George Harrison e Elliott Smith tracciano un confine dentro il quale Sam Evian si muove con sensibilità e talento. Non tutto il disco regge ma questo singolo è bellissimo.

SACRED PAWS – Everyday

Glasgow è una delle mie città preferite. Non ci sono mai stato ma questo è un dettaglio senza importanza. I Pastels sono di Glasgow e quando dicono che una band va ascoltata di solito lo faccio senza discutere.
Sacred Paws arrivano con il marchio di Stephen Pastels ben impresso e questo, nel mio piccolo mondo, è una garanzia.
Sacred Paws sono due ragazze: una che traffica in giro tra gli scaffali di Monorail e un’altra che invece vive nei sobborghi di Londra e ha un passato in band come Golden Grrrls. Hanno pubblicato un EP lo scorso anno per l’etichetta dei Mogwai e questa canzone invece preannuncia un album di debutto.
Everyday è una canzone che non nasconde nulla, anzi ci tiene a mettere in chiaro il mondo d’appartenenza. La stella delle Raincoats che indica la strada e l’esuberanza dei primi Vampire Weekend che fa capolino. Una canzone necessaria, importante, bella. Un piccolo inno che va celebrato.

EZRA FURMAN – Teddy I’m ready

Ezra è uno che non si nasconde dietro ad una canzone. Tutt’altro. È uno di quelli che ci mette la faccia, la propria vita e chissà cos’altro. Scrive canzoni sincere, insomma. Non è un caso che parlando di lui venga tirato sempre in ballo Jonathan Richman, un altro che mette la propria vita in musica. Ezra, se lo senti parlare nelle interviste, racconta di quanto l’ambiguità di Lou Reed e dei Velvet abbiano influenzato il suo approccio, in una tradizione glam che ha fatto la storia del rock: dai T Rex fino ai / alle New York Dolls senza dimenticare l’Iggy Pop abbracciato al Bowie berlinese.
Teddy I’m ready è da questo punto di vista la classica ballatona strappalacrime, condita da quella frustrazione che ti fa stringere i pugni forti, le mani nascoste nella giacca mentre il vento si fa gelido. Le cuffie nelle orecchie e quelle parole che regalano conforto. Quanto di meglio si possa chiedere ad una canzone, in fondo.

CESARE LORENZI

Remember Bannockburn (Fiver # 31.2015)

The Pastels

The Pastels

Qualche settimana fa sono andato a veder suonare i Pastels. E’ stata la prima volta nella mia città e nel “mio club” (in versione estiva ma pur sempre il “mio club”), la seconda in assoluto. L’occasione precedente capitò nel ’93, l’estate in cui decisi di salire per il mio terzo e ultimo giro al festival di Reading. La presenza dei Pastels nel tardo pomeriggio, sotto la tenda che ospitava il secondo palco della rassegna, fu in pratica l’unico vero motivo che mi spinse a volare verso l’Inghilterra. Non ricordo molto di quel concerto, ma la sensazione che ancora oggi mi rimane a distanza di 22 anni non è quella che potrei associare ad un evento particolarmente memorabile. Tra anni più tardi, con la mia seconda vita arenata nella bassa marea di un preoccupante stand by passionale, in attesa di un disincaglio che di lì a poco avrebbe portato a un naufragio senza superstiti, organizzai un viaggio di una settimana in Scozia, una sorta di back to roots alla ricerca di radici che in realtà non avevo mai avuto. In quell’epoca la Scozia più che una passione era per me una vera e propria ossessione. Un’ossessione che, guarda caso, trovava nella musica la sua ragion d’essere. In particolare l’epicentro era localizzato nella mitologia indie della mia tarda adolescenza: la Postcard e la Creation, i Jesus and Mary Chain, gli Orange Juice, i Fire Engines, le Shop Assistants, i Vaselines, i Josef K e, naturalmente, i Pastels. Mitologia poi nutrita dal proseguo della storia: la Chemikal Underground, i Delgados, i Mogwai, gli Arab Strap, i Teenage Fanclub, fino a quel concerto dei Primal Scream a Benicassim ‘98 quando Gillespie e la sua band montarono sul palco all’ombra di un grande stendardo con ritratto un leone rosso in campo giallo sovrastato dalla scritta remember Bannockburn*.
Da quel giorno per diverso tempo accarezzai l’idea di stamparmi sul braccio un bel tatuaggio col disegno del cardo simbolo di Scozia o in nobile alternativa, un leone sormontato da quella stessa scritta: ricordatevi di Bannockburn. Ho sempre amato la retorica, lo ammetto.
Quel viaggio che poneva ovviamente Glasgow – città turisticamente non proprio appetibile – come meta ultima, aveva tra i suoi nemmeno tanto velati scopi il pellegrinaggio al negozio di dischi e libri gestito da Stephen McRobbie (alias Stephen Pastel, cantante, chitarrista e anima dei Pastels).
Questo per dire quanto questo gruppo possa aver significato per me.

Prima del concerto di qualche settimana fa, quello nella mia città, mi sono ripassato la loro intera discografia rendendomi conto che, in tutta sincerità, a me dei Pastels piacciono veramente ed incondizionatamente solamente due dischi tra i cinque pubblicati in oltre 30 anni di attività. Sono i primi due, roba di 25 e passa anni fa, che fanno poker con le raccolte di singoli Suck On e la successiva Truckload of Trouble, doppio vinile con dentro una delle mie canzoni preferite di sempre (Truck Train Tractor) e la formidabile coppia di ep del ‘91: Thru’ Your Heart e Speeding Motorcycle, con l’omonima cover strappa lacrime della canzone di Daniel Johnston.
Chiaro che il giudizio su un gruppo come i Pastels non può essere limitato alla musica. Stephen McRobbie ha – in maniera forse involontaria – codificato uno stile di vita più ancora che un genere musicale. Ma non è mia intenzione analizzare questa faccenda, né investigare la biografia del gruppo e neppure analizzarne la discografia. Ciò che pensavo quella sera, mentre assistevo al concerto, riguardava più che altro me stesso, mettendo in moto il più classico dei miei personali meccanismi di transfer: quello che utilizza la musica come chiave di lettura della vita o anche solo come traduttore istantaneo di singole situazioni quotidiane. Ragionavo sul fatto che al principio, negli anni di Up for a Bit (1987) e Sittin’ Pretty (1989) e di tutti i singoli di allora, i Pastels non solo mi piacevano ma di più, possedendo le due caratteristiche distintive del me stesso di allora, erano letteralmente lo specchio dentro cui mi riflettevo. Erano difatti dotati di una timidezza ai limiti del patologico associata all’allegra velocità con cui affrontavano le canzoni e attraverso la quale – probabilmente – schermavano anche una parte del loro impaccio relazionale (ora, non che le loro canzoni fossero particolarmente veloci, in ogni caso avevano però ritmo) . Pensavo questo proprio in chiusura di concerto sulla doppietta Baby Honey/Nothing to Be Done, indubbiamente un momento che ha ribaltato emotivamente l’intera serata, rilevando i differenti effetti che l’invecchiare ha prodotto su di loro e su di me.
Pensavo che loro negli anni hanno mantenuto inalterata la timidezza senza scalfirla con la tempra della maturità, mentre la saggezza degli anni trascorsi ne ha frenato la velocità. Da parte mia ho invece invertito il dosaggio degli elementi base. Lo scorrere del tempo ha in parte levigato la mia naturale introversione mentre la velocità, per non dire la fretta, è ancora l’unico ritmo che conosco per fare le cose a modo mio. Come se domani fosse sempre troppo tardi. Il che naturalmente non riveste un particolare significato. Però mi ha fornito lo spunto per parlare un po’ di uno di quei gruppi che in qualche modo hanno cambiato la mia vita. E tanto basta.

*La battaglia di Bannockburn (23/24 giugno 1314) fu una grande vittoria scozzese durante la prima guerra di indipendenza dall’Inghilterra. Lo scontro fu decisivo per le sorti della guerra e produsse come conseguenza di fatto la restaurazione dell’autonomia da parte della Scozia.

The Pastels “Truck Train Tractor

Una volta, tantissimi anni fa, il mio amico Alberto mi raccontò di un suo viaggio in Inghilterra. Una sera era stato in un club e il dj aveva suonato questa canzone. Pensai che un posto dove suonavano quella canzone doveva essere per forza il posto migliore del mondo, e per tanti anni ho sperato di trovare un locale del genere anche dalle mie parti. Ovviamente non l’ho mai trovato un posto così. Nemmeno quando ho cominciato a passare io i dischi ho mai messo questa canzone. Toccherà rimediare prima o poi.

Shop Assistants “I don’t Wanna Be Friends with You

Sono sempre rimasto in buoni rapporti con le mie ex. Ma guardandomi indietro e con il senno di poi credo che in almeno un paio di occasioni avrei dovuto metter su questa canzone a tutto volume, poi avrei dovuto girare le spalle e andarmene canticchiando astiosamente: You loved me and now you wanna leave me/think too much of me to deceive me/Say you wanna go while were still friends/ but I believe in the bitter end/If you don’t love me anymore/just tell me you don’t want to know/But I don’t wanna be civilized/You leave me and I’ll scratch your eyes out/I dont wanna be friends with you/I will never be friends with you/Honey, I will not lie to you/Honey, I would have died for you/But I could never be friends with you/I will never be friends with you.

Josef K “Sorry for Laughing

Praticamente i Franz Ferdinand con 30 anni di anticipo (loro, i Franz Ferdinand intendo, del resto non ne hanno mai fatto mistero). Solo con più spigoli e nervi scoperti. Del resto partivano da un nome scippato a Kafka (Josef K per quei 2 o 3 che non lo sapessero era il protagonista de Il Processo) e non avevano alcuna intenzione di semplificarsi la vita. Enormi.

Teenage Fanclub “Live at Reading Festival 1992

Questo concerto lo vidi assieme a Cesare se non sbaglio, a fianco di Bobby Gillespie. Naturalmente non eravamo in mezzo al fango. L’accoppiata The Concept/Everything Flow la suonarono nel finale e tra le 9 canzoni di quel set (la lista l’ho ritrovata in rete, mica me la ricordavo) piazzarono una cover di Dylan e una loro versione di Take the Skinheads Bowling dei Camper Van Beethoven. Come direbbero i miei amici giovani: ma di cosa stiamo parlando?

Primal Scream “Velocity Girl

Una volta qualcuno, molto più autorevole di me, scrisse che questa è la canzone pop perfetta. Non so, troppo difficile dirlo, ma se non lo è ci va molto molto vicino. Di sicuro rimane uno dei modi migliori per impiegare 85 secondi della propria vita.

Arturo Compagnoni

indie pop ain’t noise pollution (parte 3) 30-21

v1

The Vaselines

30 – 21

30) Wedding Present – George Best (1987)

C’è stato un momento al Primavera Sound Festival dell’anno scorso, a pochi minuti dall’attesissima esibizione dei Blur, nel quale l’aria si è riempita di note familiari e l’occhio ha scovato, non senza fatica, un manipolo di musicisti su un palchetto laterale di fortuna…esatto erano i Wedding Present che dopo tre canzoni hanno lasciato la ribalta ai loro ben piu blasonati connazionali. So the story goes. Un doveroso omaggio, certo, ma anche un amara constatazione di come questo disco, per molti versi perfetto a partire dall’omaggio al giocatore di football piu punk rock di tutti i tempi e con una manciata di canzoni indimenticabili edificate su una muraglia chitarristica ostica e carezzevole meritava di essere, come é nei nostri cuori, molto piû in alto di un modesto n. 30. (M.B.)
La prima volta che mi è capitato d’ascoltarlo sono rimasto interdetto. Capitava di comprare i dischi per sentito dire o per la copertina, una volta. E non sempre ti andava bene. Questo dei Wedding Present lo comprai perchè ne scrivevano i tizi di Vinile, e quello che dicevano loro per me era legge. Poi la copertina fece il resto, in effetti. Capitava pure che un disco dovevi fartelo piacere per forza o comunque dovevi provarci per bene. Mica potevi cliccare un’altra volta play e passare oltre. Così a forza d’insistere i Wedding Present sono diventati la mia band preferita di quel periodo e ancora oggi mi bastano pochi secondi per riconoscerne qualsiasi canzone presente in questo disco. Una cosa che non potrà mai più capitarmi con nessun altro gruppo, evidentemente. (C.L.)
Col loro primo disco i Wedding Present indovinarono tutto: titolo, copertina e suoni. Innescarono in me un corto circuito che dura ancora oggi, ogni volta che lascio scendere la puntina sul disco e partono le note di Everyone thinks He Looks Daft. (A.C.)

29) Young Marble Giants – Colossal Youth (1980)

Leggendario ma, quanto meno dal sottoscritto, tutto sommato poco conosciuto album rimasto unico nella discografia del gruppo. Eppure, datato 1980, butta sul tappeto tutti gli ingredienti della generazione wave di lí da venire. Drum machine, chitarra nervosa, secca ed essenziale, basso che insinua funk al calor bianco, voce femminile che figlierá legioni di emule. Un obbligo riascoltarli per percepirne i conifini della grandezza. (M.B.)
Gli Young Marble Giants non somigliavano a nessuno e nessuno in seguito è riuscito a somigliare loro. Riuscivano allo stesso tempo a rendere ansiose le canzoni più allegre e a stemperare la tensione di quelle più elettriche. Tra i tanti meriti di Kurt Cobain iscriviamo anche la loro riscoperta, vistata in seguito anche dalla consorte Courtney Love che inserì un loro pezzo (Credit in the Straight World) nella scaletta di Live Through This delle Hole. (A.C.)

28) New Order – Temptation (1982)

1981. Torno dalla mia prima volta a Londra con una borsa carica di magliette dei Clash, poster e il 7″ di Ceremony versione New Order. Lo consumo con gli ascolti. Tempation, per alcuni solo la prova generale per Blue Monday, in realtá è anch’essa vera e propria pietra angolare con cui cominciare a sfondare la porta che ci impediva di accedere al dancefloor e ballare, oddio ballare…, al suono della “nostra musica”. (M.B.)
Oddio i synth, oddio il beat, oddio il pop…..vita dura quella dei New Order prima versione, con i fan dell’epoca Joy Division che si sentivano cornuti e mazziati. Mi ricordo le cronache dei primissimi concerti italiani che raccontavano di una parte del pubblico che passava il tempo a sputare al cantante. Io i primi dischi dei New Order invece li adoro, compreso questo brano uscito originariamente solo su singolo. (C.L.)
Temptation è stato il coltello infilato nella tela scura del post punk. Lo squarcio prodotto dal solco della lama lasciò intravedere quello che sarebbe venuto dopo: una lunga scia chimica che partì dall’Hacienda fino a lambire le coste di Spike Island: gruppo di importanza incalcolabile. (A.C.)

27) Franz Ferdinand – Take Me Out (2004)

Simpatici sono simpatici i FF e questo pezzo ascoltato in ogni contesto ti fa venire voglia di saltare scompostamente urlando. La prima volta che l’ho sentita ho pensato “fantastico, ne voglio ancora”. Ecco forse mi hanno preso un po’troppo in parola…Il limite degli scozzesi forse è stato ripetere, sempre molto dignitosamente per caritá, la medesima formula. Ma se mi invitate ad una festa assicuratevi di avere Take me out in scaletta. (M.B.)
Il loro live al Covo (13/03/2004) rimane uno degli high light di quel locale a me particolarmente caro e il dj set che preparai per il riscaldamento del pubblico pre concerto una delle cose di cui vado più fiero. Una lista di pezzi che comprendeva buona parte delle canzoni presenti in questa classifica, canzoni che poi erano la fonte di ispirazione dichiarata dai Franz Ferdinand. Gran bella cosa il loro primo disco: peccato che di lì in avanti i ragazzi si siano mossi solo con piccolissimi passi, quasi impercettibili. (A.C.)

26) The Libertines – What A Waster (2002)

Non discuto il loro valore, il carisma e la catchiness dei loro pezzi, la stramba dinamica Doherty/Barat, Albione, il romance, la tragedia e tutto quello che volete ma per chi, come me, nel 1980 aveva 16 anni e White Man In Hammersmith Palais sul piatto i Libertines resteranno sempre solo un piacevole diversivo e niente più. (M.B.)
Non si può sempre essere d’accordo su tutto. Questa è una grande canzone. Una delle pochissime dei Libertines. Che saranno pure una band mediocre, rovinata dalle droghe sbagliate. Ma questa canzone è un momento di celebrazione assoluta: la giovinezza che si staglia prepotente come dovrebbe sempre accadere in un grande brano pop. Quello che la rende peró veramente gigante è quel sentimento di amarezza che viene a galla, come se la consapevolezza della fine (quantomeno dell’adolescenza) prendesse il sopravvento. (C.L.)
Al netto della facile, crescente e condivisibile ironia con cui col passare degli anni tutti noi abbiamo trattato il personaggio Pete Doherty e dimenticandoci quello che i Libertines hanno finito col rappresentare (praticamente i Doors della generazione hipster anni zero), i quattro londinesi hanno lasciato alcune canzoni che non posso fare a meno di continuare ad amare. Tra cui questa, il loro primo singolo. (A.C.)

25) The Loft – Up The Hill And Down The Slope (1985)

Insieme a Why Does The Rain una doppietta memorabile sferrata da Peter Astor a forza di chitarra serrata e melodie irresistibili al cuore di chi sognava nel chiuso della propria cameretta la ragazza carina intravista al pub locale ma con la quale non aveva il coraggio di parlare. Dopo verranno i Weather Prophets. Due grossi mattoni su cui verrá edificata la casa Creation. (M.B.)
La Creation Records è passata alla storia soprattutto per i dischi degli Oasis, in seconda battuta per quelli dei My Bloody Valentine. La mia storia personale invece l’hanno cambiata quattro singoli pubblicati tra il novembre dell’84 e il maggio dell’86. Uno di questi era Up the Hill and Down the Slope, gli altri tre Upside Down dei Jesus and Mary Chain, I’m Alright with You dei Pastels e Crystal Crescent dei Primal Scream. (A.C.)

24) The Vaselines – Son Of A Gun (1987)

Scozia, Nirvana, Sub Pop, storie di fama planetaria e di perdenti nati. Non posso aggiungere nulla che non sia giá stato detto meglio e più appassionatamente da Cesare Lorenzi su queste pagine non molto tempo fa. https://sniffinglucose.com/2014/07/02/v-for-nirvana/ (M.B.)
Il giorno in cui Eugene Kelly venne a suonare al Covo, inutile dirlo, io c’ero. Era un periodo in cui si erano spenti i riflettori accesi ad inizio ’90 dall’attenzione di Kurt Cobain e non si era ancora avviata la seconda vita dei Vaselines. Eugene Kelly era sul palco da solo, voce e chitarra. Suonò diverse canzoni del suo vecchio gruppo tra cui, ovviamente, Son of a Gun. Il concerto fu talmente ricco di emozioni e così pieno di ricordi da risultare semplicemente troppo. Quella notte, tornato a casa, non riuscii a chiudere occhio. (A.C.)

23) Happy Mondays – Lazyitis (1989)

Gli Happy Mondays prima delle pillole e dei mal di pancia. Uno strano gruppo funk rock storto prodotto da Martin Hannett con la voce perennemente scazzata, ma ancora lucida, di Shaun Ryder. Una strana canzone che scimmiotta Ticket to ride e mentre ci si appiccicava addosso, confusi, ci affacciavamo alla finestra e giá intravedevamo chiaramente Madchester. (M.B.)
Ecco, Madchester. Alla fine ho sempre preferito la versione pop dei Mondays, quella che arrivò dopo questa canzone, che flirtava con i suoni che uscivano dall’Hacienda e si distaccava dalle primissime influenze wave. Poche bands hanno rappresentato un’epoca come loro, che rimarranno per sempre quelli che attraversarono i confini. Magari senza troppo talento ma con lo spirito e l’attitudine. Alla fine non conta nient’altro. (C.L.)
Arrivarono a farsi produrre dischi da Martin Hannett e John Cale, da Paul Oakenfold e da Tina Weymouth e Chris Frantz dei Talking Heads. Fecero ballare una intera generazione e provarono a mandar giù più droghe di chiunque altro al mondo. Riuscirono praticamente a far fallire la Factory Records.
Ancora oggi mi chiedo come sia possibile che una coppia di fratelli sballati in compagnia di un ballerino fuori sincrono siano stati in grado di fare tutte queste cose, e sopravvivere a se stessi. (A.C.)

22) Aztec Camera – High Land Hard Rain (1983)

Quando abitavo a Roma c’era un negozio a due passi da casa mia chiamato Rock Set con una fantastica serranda con la raffigurazione della copertina di London Calling. Lo scaffale dei dischi usati era la mia destinazione prediletta e lí pescai una copia di questo album forse segnalato da Rockerilla. Da allora per un bel periodo nella mia cameretta sognavo pomeriggi piovosi scozzesi e dedicavo mentalmente Walk Out To Winter a graziose ragazze romane intraviste sulla metro. (M.B.)
Dischi come questi dovrebbero istituzionalmente essere destinati a fornire la colonna sonora per il principio di ogni storia d’amore. Ho sempre sognato di incantare una ragazza facendole ascoltare un disco del genere: non ci sono mai riuscito. (A.C.)
21) The Pastels – Up For A Bit With The Pastels (1987)

Ho sempre molto apprezzato i Pastels ma non è mai stato proprio un “mio” gruppo (per questo citofonare Compagnoni, please). Cionondimeno, riascoltato oggi, un disco fondamentale tra armonie ineffabili e sbilenche e la voce di Stephen Pastel svogliata e impegnata a gettare i semi in termini di ispirazione per una generazioni di cantanti a venire
Il tutto a certificare una egemonia impressionante delle band scozzesi del periodo. (M.B.)
Se uno mi dice Scozia e aggiunge “indie” non posso che non pensare a loro. Ho passato la mia giovinezza a fantasticare di aprire un’etichetta indipendente. Avrei voluto farlo solamente per pubblicare un loro singolo. Non mi sarebbe servito nient’altro, davvero. (C.L.)
Difficile spiegare i Pastels a chi non li conosce: una filosofia di vita più che una band. Per entrarci occorre farlo partendo dall’inizio, tanto più considerando il fatto che il loro primo album – Up for a Bit – a mio parere resta a tutt’oggi la loro cosa migliore. Tanti anni fa, mentre tutto attorno il mio mondo si stava sgretolando organizzai un viaggio itinerante in Scozia giusto un attimo prima di venire sommerso dalle macerie. Non ammisi con nessuno, nemmeno con me stesso, che il principale motivo per cui avevo deciso di intraprendere quel viaggio fosse fare visita al Monorail, il negozio di libri e dischi che Stephen Pastel aveva aperto in centro a Glasgow. (A.C.)

leggi la prima parte, i dischi dal  50 – 41

leggi la seconda parte, i dischi dal  40 – 31