Attraverso lo specchio: BAMBINI, FOTOGRAFI, MUSICISTI, BIANCONIGLI E STREGATTI

pierre-terrasson-siouxsie-sioux-1986

Charles Dodgson (1832-1878), è stato un reverendo, scrittore, matematico, fotografo e logico britannico. Ma tutto il mondo lo conosce con il suo pseudonimo : Lewis Carroll. E lo conosce soprattutto perché ha scritto niente di meno che “Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie”, pubblicato per la prima volta nel 1865, e seguito da “Attraverso lo specchio”.
Questi due romanzi, generalmente considerati come un “unicum”, lungi dall’essere confinati nella narrativa per ragazzi, hanno incontrato un tale favore popolare e l’entusiasmo di una tale varietà di lettori di ogni età, spessore, cultura, nazionalità e professione, da essere comunemente considerati tra le opere letterarie più celebri di ogni tempo.
alice-in-wonderland11Nel “Paese delle Meraviglie” – dove Alice sconfina casualmente, sognando di inseguire un coniglio bianco – tutte le regole logiche, linguistiche, fisiche e matematiche sono in qualche modo “parallele” a quelle del mondo reale, risultandone inevitabilmente invertite e concretamente rovesciate. Perché la piccola Alice intraprende questo viaggio? Semplicemente perchè desidera un altro punto di vista, una realtà e un paesaggio fisico e umano dove tutto è rovesciato, un mondo allo specchio.
Il romanzo, che contiene numerose chiavi di lettura, è comunemente visto come una metafora del processo di crescita. Il Paese delle meraviglie permette ad Alice di scuotersi dallo stato di immobilità indotto dalla severa e noiosa educazione vittoriana, stimola la sua curiosità, la porta a guardarsi attorno, a ragionare con la sua testa, ad accettare che si può anche sbagliare e, comunque, a scoprire una nuova parte di sé, quella che la porterà a rivedere tutte le sue precedenti certezze e a crearne di nuove, grazie anche ai personaggi che incontra (Pinco e Panco, Il Bianconiglio, lo Stregatto, la regina). E questo solo per rimanere in una lettura superficiale del racconto.
A me – che nei miei seminari cito molto spesso Alice – piace pensare che forse, imparando un “altra” logica, la bambina incontra il corretto funzionamento delle cose, perché il sovvertire le regole le fa intuire come in fondo sia il “gioco” a dirigere “il senso” e non il contrario. Il famoso dialogo con lo Stregatto ne è un esempio
Alice : Volevo solo chiederle che strada devo prendere!
Stregatto : Beh, tutto dipende da dove vuoi andare.
Alice : Oh, veramente importa poco, purchè io riesca a uscire di qui.
Stregatto : E allora importa poco che strada prendi, no?

Ancora una volta metafora esistenziale del fatto che per crescere, la strada da trovare non può essere una qualsiasi ma deve essere la “propria”.

Ma la storia, tra fantasia e realtà, è ancora più complessa. Lewis Carroll è anche un grande fotografo,un antesignano introdotto all’arte addirittura da Oscar Rejlander, uno dei pionieri della fotografia.
Per lui (che in definitiva è un uomo “di Dio”) la fotografia si rivela uno strumento ideale per esprimere ciò che chiamava “bellezza”: uno stato di grazia, di perfezione morale, estetica e fisica da cercare e trovare nelle arti, certo, ma anche nelle formule matematiche e soprattutto nella figura umana, specialmente se femminile, e specialmente se “innocente”.
Insomma : oltre la metà delle fotografie di Carroll sono di bambine, le quali (spesso fotografate nude) apponevano successivamente la propria firma in un angolo della stampa. Inutile dire che questa passione (dai risultati esteticamente meravigliosi : le immagini che ci sono giunte sono straordinariamente belle) gli creò una fama di pedofilo, quando invece il suo obiettivo era quello di liberarsi (e liberare le giovani modelle) dall’oppressivo fardello della simbologia vittoriana, immaginandole più come creature “della natura” piuttosto che come irreprensibili damigelle.Alice_Liddell_2
Ma Carroll fece ritratti anche per personaggi di spicco del suo tempo come John Everett Millais, Ellen Terry, Dante Gabriel Rossetti, Julia Margaret Cameron e Alfred Tennyson. Ora è considerato uno dei padri della fotografia moderna.
Ma, tornando alle sue giovanissime modelle, sapete come si chiamava la sua preferita ? Alice Liddell
Ed è proprio lei (di cui conosciamo perfettamente il volto) che nella fantasia di Carroll finisce nel paese delle meraviglie. Ma è anche lei che, esattamente sei mesi dopo il viaggio nel Paese delle Meraviglie, sonnecchiando su una poltrona del suo salotto, si chiede cosa ci sia dall’altra parte dello specchio e, con sua grande sorpresa, riesce a passarci attraverso ed a trovare una risposta alle sue curiosità.

Al di là dello specchio Alice incontrerà fiori parlanti, personaggi della scacchiera e stranissimi animali, oltre che tutti i personaggi delle sue filastrocche preferite (quelle tipiche della tradizione inglese) come gli assurdi gemelli Tweedledee e Tweedledum e Humpty Dumpty.
Ma Alice, mentre è occupata ad allargare ulteriormente il suo punto di vista visitando il paesaggio inquietante che è “dall’altra parte” dello specchio, non si accorge che, fermo e rigidamente bloccato, nei paraggi dello specchio stesso (proprio da dove è entrata lei) c’è anche un altro bambino, che forse potrebbe giovarsi molto dell’aiuto di Alice e della sua esperienza nell’”altrove”.

“Tommy” è un disco degli Who. Uscito nel 1969 è probabilmente uno dei pochi capolavori assoluti della storia del rock. Un’opera dalla quale verrà poi tratto un film di Ken Russell.Tommy-ST-RTR-USA-The_Who
Tommy è un ragazzo che assiste (da dietro uno specchio) all’omicidio dell’amante della madre da parte del padre, aviatore britannico al ritorno dal fronte. I genitori di Tommy, ordinano al bambino di non dire, vedere e sentire nulla (See me, Feel me, Touch me, Heal me è la canzone che come leitmotiv attraversa l’intera opera e che gli Who eseguiranno pochi mesi dopo a Woodstock, entrando definitivamente nella leggenda).
Tommy riceve l’ordine traumatico e diviene così muto, cieco e sordo. In pratica, è come se rimanesse “dietro lo specchio”, ma in un ordine sovrapposto e parallelo al reale dove l’assenza di logica e il ribaltamento del senso comune, che per Alice si popola di buffe e paradossali figure in qualche modo “didattiche”, per lui diviene un autentico calvario, esposto com’è ad ogni tipo di violenza, abuso e sopraffazione da parte dei “normali” che lo circondano.
Ma poi avviene il riscatto : Tommy, viaggiando attraverso l’unica magia che può praticare, l’intuito, scopre di essere un fantastico giocatore di flipper.
In breve tempo sbaraglia chiunque altro, anche il più grande, il campione del mondo, che, sbalordito, lo chiama “Pimball Wizard” (mago del flipper) e, rivolgendosi al pubblico (nella canzone) cerca di spiegare cosa prova a vedere questo ragazzo che “gioca d’intuito. E’ cieco, muto e sordo ed è un mago del Flipper. Non ha nulla che lo distrae ma non può vedere le luci, i segnali, i colori, i flash, e non può sentire i campanelli e le vibrazioni della macchina. Lui gioca secondo il senso dell’olfatto, e non sbaglia mai”.

Tommy, una volta ricco e famoso, riuscirà però a riacquistare la normalità, la voce, l’udito, la vista solo quando la madre distruggerà lo specchio, permettendogli così finalmente di “uscire dall’altra parte” e, magari, di incontrare da quelle parti una graziosa ragazza che, intanto (come lui, del resto) si è fatta proprio grande.

Siouxsie_&_the_Banshees-Through_the_Looking_Glass

• Nell’album Over di Peter Hammill si seguono due brani (Alice e This side of the Looking Glass) che usano metafore tratte da Dietro lo specchio per riferirsi alla dolorosa conclusione di una storia d’amore.
• Nell’album Twilight in Olympus dei Symphony X si trova un brano intitolato Through the Looking Glass ispirato appunto all’omonimo libro dello scrittore Lewis Carroll.
• I gruppi Toto, Siouxsie and the Banshees e Jefferson Airplane hanno pubblicato album intitolati Through the Looking Glass.
Your move, la prima parte della canzone I’ve Seen All Good People del gruppo progressive rock Yes, si ispira a questo romanzo.
• Nella canzone White Rabbit dei Jefferson Airplane vi sono alcuni riferimenti riguardanti “Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò”

Marco Bucchieri

Marco Bucchieri è Artista Visivo, Scrittore e Poeta.

Website : http://marcobucchieri.wix.com/marco-bucchieri-#!contact/czpl

Faceook Fan Page : https://www.facebook.com/pages/Marco-Bucchieri-Art-Page/166138440079169

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...